martedì 6 settembre 2011

Intervista a Luigi Giuliano



Gian Marco Chiocci
Simone Di Meo


“Loigino è morto, Loigino non c’è più. Adesso c’è Luigi, un uomo di sessant’anni che ha vissuto mille vite, ha conosciuto il male e l’ha fatto ma che aspetta di avere una chance per ricominciare daccapo ora che ha sorseggiato l’attesa e pagato il conto”.L’incontro con Luigi Giuliano, il super-pentito della camorra napoletana, avviene in una località protetta, dove l’ex capo dei capi della Cupola è stato trasferito da un drappello delle forze dell’ordine del Servizio centrale di protezione. Giuliano arriva all’appuntamento in tenuta sportiva e la prima cosa che si nota sono gli occhi azzurrissimi che, al tempo della guerra contro la Nco di Raffaele Cutolo, gli valsero il soprannome di “boss dagli occhi di ghiaccio”.
In realtà, Giuliano era conosciuto anche con un altro nickname, che dava il senso del potere e della forza del suo gruppo, il gruppo dei forcellesi: ’o re. Il re.
“Eppure, la mia vita poteva essere diversa”, spiega oggi, mentre apre il borsone che si è portato dietro, colmo all’inverosimile di carte e fascicoletti su cui mantiene un impenetrabile riserbo: “Cose mie, cose mie… forse ne parliamo alla fine della chiacchierata…”.
E riprende: “La mia vita, dicevo, poteva essere diversa. Da giovane volevo fare l’attore, andai pure a Cinecittà per un provino. La mia storia poteva essere come quella di Sophia Loren, ma poi il destino ha scelto un altro percorso per me. Insieme a Giuseppe Misso (feroce capoclan del rione Sanità, anche lui passato a collaborare con la giustizia, ndr) recitavamo Shakespeare davanti allo specchio. I nostri amici ci incitavano, ci dicevano che eravamo bravi, che dovevamo scegliere l’arte piuttosto che la strada. Allora, sembrava che davvero potesse avverarsi questo sogno, invece”.
Invece arrivano i morti, il sangue, le sparatorie, le vendette e i soldi. Soldi a palate, che alimentano la leggenda sulla famiglia malavitosa di Forcella: le feste con Diego Armando Maradona, i viaggi all’estero, il lusso sfrenato per abiti, auto e appartamenti. I Sopranos del centro storico di Napoli sono i padroni della città, tra gli anni Ottanta e Novanta. Possiedono negozi, ristoranti, night club. Luigino è il sovrano indiscusso del crimine campano. Controlla un clan che fattura decine di miliardi all’anno con droga, estorsioni, prostituzione, usura, totonero, contrabbando di sigarette.
“Ma anche allora sentivo dentro di me una vena artistica. All’inizio scrivevo poesie, ho pure pubblicato un libro che s’intitola ‘Le ciliegie del dolore’, poi mi sono dato alla musica”.Luigi Giuliano è l’inventore dei neomelodici della prima generazione, compreso Gigi D’Alessio. Dice di avergli fatto da talent scout, da finanziatore e da paroliere. “Oggi più che le rime amo le note. Ho deciso di cimentarmi con un mondo che non è quello in cui si imbraccia un fucile, ma si impugna una penna”.
Passando sotto l’ala protettiva dello Stato, Giuliano cambia identità e si diploma in musica. “Ho cominciato con le canzoni in napoletano, ma voglio scrivere in italiano”, confessa. “Per scrivere canzoni non basta il talento, c’è bisogno di studio, tanto studio”. Ciò non gli ha impedito, al tempo della sua dittatura criminale su Napoli, di firmare uno dei testi più famosi in città, che ancora oggi ragazzotti abbronzati in cerca delle prime storie d’amore con coetanee sculettanti fischiettano nei rioni-ghetto. La canzone si chiama “Chill va pazz pe te”.
“E davvero io vado pazzo per Napoli, io soffro nel vederla così abbrutita, dilaniata moribonda. Voglio lancare un allarme per la vita dei napoletani: se anche da noi si verificasse un terremoto come quello dell’Aquila, ci sarebbero non centinaia ma migliaia di morti. I palazzi che sono stati costruiti o ristrutturati dopo il sisma del 1980 sono marci. In quegli anni è stato fatto un macello con la ricostruzione. Non c’è sicurezza in quegli edifici. Ma qualcuno si è mai chiesto perché, ogni tanto, a Napoli si sbriciola un palazzo?”.Giuliano inforca le lenti e si rigira una penna tra le mani. “Io sono pronto a dare la vita per i bambini di Napoli. Devono capire che c’è un altro futuro per loro. Possono diventare artisti, possono diventare medici. Possono diventare calciatori, possono diventare come Quagliarella (Fabio Quagliarella, il calciatore napoletano che gioca nella Juve, ndr) ma è necessario che qualcuno li aiuti. Costruire una piscina, un campetto di calcio dove farli giocare già sarebbe un successo. Un giovane della Sanità o di Forcella viene guardato con sospetto dalla società, vive nella perenne emarginazione. Per questo, poi, per avere una stupida rivincita sulla vita e sugli altri, prende un fucile in mano”. Racconta di sé: “Io sono un uomo cambiato, ormai. Ed è cambiata la mia capacità artistica, anche. Sono iscritto alla Siae dal 1992 e ho depositato un’ottantina di canzoni. Scrivo di getto e leggo di continuo per arricchirmi di nuove parole, di nuove sensazioni.
Vorrei trasformare questa mia passione nel mio futuro lavoro; però, per riuscirci, lo Stato deve potermi affiancare un musicista, per lavorare fianco a fianco e poter costruire così delle canzoni”.
Guardando indietro, l’ex capo dei capi aggiunge: “Ho consegnato tutti i miei averi allo Stato e non ho tesori nascosti. Ho sulle spalle 33 anni di galera, ma non ho vergogna a dire che voglio vivere di canzoni. A sessant’anni si può cambiare. Voglio dare una sterzata agli ultimi anni della mia vita, perché ogni volta che mi guardo indietro vedo cento, mille Luigi Giuliano, uno diverso dall’altro. Sono tanti me stesso, che però non riconosco più. Ho rovinato tante famiglie. Ho ordinato tante morti, tante altre persone le ho uccise personalmente, per questo oggi posso dire che il codice d’onore della mafia e della camorra è merda. Che onore è sciogliere un bambino nell’acido, uccidere un innocente? Ho conosciuto in galera uomini, come si chiamano loro, d’onore che hanno partecipato alle stragi di mafia, che hanno ucciso Falcone e Borsellino e che fanno i confidenti degli agenti di polizia penitenziaria. È questo il senso del loro onore?”.L’ultima domanda è per quei documenti nel borsone: “Ah, già, le carte. Sono gli appunti per un libro sulla vera storia di Napoli e sulla vera storia di Luigi Giuliano. Mi sa che prima o poi troverò qualcuno con cui scriverlo…”.(pubblicato su "Il Giornale" il 17 luglio 2011)

7 commenti:

  1. questo non è uomo

    RispondiElimina
  2. a chrti seve piu tutto cio pensa dove andrai quado finirai cosa racconterai e se poi incontri i morti che hai fatto dove scappi''?

    RispondiElimina
  3. ogni uno si pente della vita cattiva e pure luigi giuliano si ora da buon uomo che prima che era un boss per me e un signore

    RispondiElimina
  4. solo in italia questo bel paese di merda succede ke prima ammazzi tante persone innocenti rovini famiglie distruggi una citta e quindi sei una merda ... poi t penti fai l'infame e quindi sei los tesso una merda ...ma intanto lo stato nn ti punishe per quello ke hai fatto ma ti premia addirittura proteggendoti stipendiandoti ... e mo magari ti mette pure un artista a fianco così ti fa sentire realizzato ...bella italia bello stato e intanto la povera gente vere quella ke magari non ha mai ucciso nessuno nn ha mai fatto l'infae muore in galare picchiata dai servitori dellos tato e marcisce anni e anni diero le sbarre magare per aver rubato un cd ...venduto un pò di hashish o solamnte osato da debole a ribellarsi al potere

    RispondiElimina
  5. Penso che luigi Giuliano sia solo un debole e si nasconde dietro allo stato ...quanto e lo stesso stato sia cosi vigliacco da far parlare questo piccolo uomo se cosi si puo definire !a parlare dei problemi di Napoli ecco questa e la vera sconfitta !uno che si pente e dopo si sente parte integrante della società quando tanti ragazzi stanno a lergastolo e anni di carcere addosso e vorrebbero stare vicini alle loro famiglie !ma i veri uomini sono loro e non tu!

    RispondiElimina
  6. Leggendo l'articolo mi ha fatto quasi pena.. ma poi riflettendoci meglio ho avuto i brividi. Sensazioni negative insomma, ha ammazzato centinaia di persone, di mano sua e per mandati ma sempre con il sogno di diventare un attore, un cantautore, recitava Shakespeare di fronte allo specchio..che scena patetica solo per raccontare che aveva un talento ma che la vita,poi, lo ha portato su tutt'altra strada.Io non ci credo, a me basta sapere che ha cancellato il destino di tante persone, che ha mangiato sulle spalle dei poveracci, che ha contribuito a distruggere una grande città come Napoli. Non ci credo ecco. Però concedo il beneficio del dubbio. Se davvero si è pentito, ben venga per lui. Mi fa tanta rabbia però leggere parole impregnate di orgoglio vittimistico, di un boss che non ha saputo affrancarsi dalla storia malavitosa della propria famiglia ed ora cede il passato ad un altro "io".. ma il passato non si dimentica. Ce lo insegna la storia di ogni uomo e di ogni società. Sono contenta di sapere che ora l'unica arma con la quale colpire è una penna piuttosto che una pistola, e che legga molto .. perchè è proprio vero quello che diceva Cesare Pavese "Le letteratura è una difesa contro le offese della vita". Spero riesca a difendersi bene dai fantasmi del passato, che ahimé lo perseguiteranno per sempre....

    RispondiElimina
  7. munnezz..si stat semp nu confidente..e polizia

    RispondiElimina